La posizione del cuore nell'essere umano

Discussion in 'Tazkiyah' started by Ismail Albani, Apr 28, 2009.

  1. Ismail Albani
    Offline

    Ismail Albani Tasfiyah wa Tarbiyah

    Joined:
    Oct 3, 2007
    Messages:
    450
    Likes Received:
    42
    Trophy Points:
    38
    Gender:
    Male
    Ratings Received:
    +43 / 0
    La posizione del cuore nell'essere umano

    Shaykh-ul-Islam Ibn Taymiyyah



    Quindi in verità Allah - il Perfetto e l'Altissimo - ha creato il cuore nell'essere umano affinché lui conosca e sia consapevole delle varie cose (intorno), così come Egli ha creato gli occhi per vedere con loro le varie cose. E le orecchie che gli consentono di ascoltare con loro cose diverse. Allo stesso modo, Egli - il Perfetto - ha creato tutte le parti del corpo per una funzione dalle funzioni e un'azione dalle azioni. Quindi, la mano è per prendere in mano le cose, e le gambe per procedere, la lingua per pronunciare (parlare), la bocca per gustare, il naso per odorare, la pelle per sentire il contatto, e così il resto degli organi che sono esterni ed interni.

    Quindi, se l'uomo utilizza l'arto in conformità con quanto è stato creato e preparato, allora i diritti di loro (cioè degli arti) sono stati stabiliti. E questa è la Giustizia su cui Allah ha stabilito i cieli e la terra. Quindi, questo sarebbe buono e giusto per quell'organo e per il suo proprietario, e per tutte quelle azioni che saranno eseguite con esso. Un essere umano dritto tale è colui la cui condizione è in ordine.

    "Quelli seguono la guida del loro Signore; quelli sono coloro che prospereranno". (Al-Baqara 2:5)

    E se tale organo non viene utilizzato per quello che è stato creato e secondo il suo diritto, allora, sicuramente, esso è inutile e in una grande perdita, e il suo proprietario è un oppressore. E se lo usa in un modo che è in opposizione a ciò che sono stati creati, questo è smarrimento e distruzione. E una tale persona è tra quelli che hanno scambiato la benedizione di Allah con il kufr (miscredenza).

    Allora, effettivamente, il dirigente di tutte le membra e della testa è il cuore e, dovuto a questo, è stato chiamato qalb.

    Il Messaggero di Allah, sallAllahu 'alayhi wa sallam, ha detto:

    "C'è un pezzo di carne nel corpo che, se è sano, allora tutto il corpo è sano e, se è corrotto, allora tutto il corpo diventa corrotto. Esso è il cuore".


    E il Messaggero di Allah ha detto:

    "L'Islam è apertura (la pronuncia della Shahadah ecc.) e al-Iman (la fede) è nel cuore. Poi ha indicato verso il suo petto e ha detto: 'In verità, la Taqwa è qui! La Taqwa è qui'."

    E quindi il cuore è stato creato per essere informato. Quando il cuore si rivolge verso le cose per comprenderle, ciò lo fa attraverso il pensiero e la contemplazione, proprio come le orecchie si girano verso il discorso per sentirlo, ciò lo fanno attraverso l'ascolto e l'attenzione.

    E lo sguardo si rivolge verso le cose intorno, desiderando vederli, ciò lo fa attraverso l'osservazione con gli occhi. Quindi il pensiero è per il cuore, l'ascolto è per le orecchie ed allo stesso modo la vista è per i due occhi come è stato accennato prima.

    Se il cuore capisse e comprendesse le cose per cui contempla, allora ha raggiunto il suo scopo. Similmente anche l'orecchio sentisse ciò che ha ascoltato, e l'occhio vedesse ciò che ha guardato.

    Non ogni osservatore o pensatore ha acquisito la conoscenza (delle cose), e non ogni spettatore che vede la luna nuova può guardare la sua visione, e non ognuno che sente una voce può capire il suo significato (c'è una differenza tra l'udire e l'ascoltare).

    E contrariamente a quello è qualcuno che prende la conoscenza di una questione/un problema che non ha esaminato, e non ha riflettuto precedentemente su essa.

    Come quello che improvvisamente vede la luna nuova senza intenzione di vederlo, o qualcuno che ascolta una dichiarazione senza intenzione di ascoltarla. Questo è dovuto al fatto che il cuore non comprende la conoscenza da sé (cioè esso dipende dalla vista e l'ascolto), piuttosto tutto dipende da determinate condizioni e le capacità dipendono dagli sforzi che la persona ha fatto nel passato, desiderandolo e cercando essa, o può essere dai favori di Allah che è stato conferito a lui.

    La rettitudine del cuore e il suo diritto, e lo scopo per il quale è stato creato è quello di capire e comprendere le cose e non solo di avere consapevolezza generale riguardo esse.

    Qualcuno può conoscere e può possedere consapevolezza generale di qualcosa, tuttavia egli non capisce e non comprende, ma, al contrario, egli è incurante di essa e la sua comprensione è annullata.

    Così la persona che capisce è quello che la registra correttamente, la mantiene precisamente, la comprende e l'impianta fermamente nel suo cuore. Quando ha bisogno di essa la trova, e la sua azione e il suo discorso abbineranno entrambe l'esterno (le azioni) e l'interno (la niyyah), e questa è la persona che ha ottenuto la saggezza.

    Quindi la solidità del cuore, il suo diritto, e quello per il quale è stato creato è che esso abbia conoscenza delle cose, e non dico che abbia giusto conoscenza solo.

    "Egli dà la saggezza a chi vuole. E chi riceve la saggezza, ha ricevuto un bene enorme. Ma si ricordano di ciò solo coloro che sono dotati di intelletto". (Al-Baqarah 2:269)

    Abu Darda, radiyAllahu anhu, ha detto: In verità, tra le persone ci sono coloro che possiedono conoscenze ma non hanno saggezza. In verità, Shaddad ibn Aws, radiyAllahu anhu, è tra quelli che hanno acquisito conoscenza e saggezza.

    E questo, malgrado il fatto che gli uomini sono di diversi livelli nella comprensione delle cose, tra la perfezione e la carenza.

    E da loro coloro che capiscono numerose cose e coloro che capiscono soltanto poche. E quelli che capiscono solo le cose importanti generali, e quelli che capiscono aspetti specifici e dettagliati, e così via.

    Allora questi tre organi (il cuore, le orecchie, gli occhi) sono gli organi fondamentali (del corpo) per acquisire la conoscenza e la comprensione. Qui, con conoscenza mi riferisco a ciò che distingue gli esseri umani dagli animali. E questa non è la conoscenza sul mangiare, odorare, gustare e sentire. Dato che ha questa conoscenza che differenzia tra ciò che gli piace e ciò che non piace, e distingue tra ciò che è buono per lui e ciò che non è vantaggioso per lui, e così via.

    "Allah vi fa uscire dai ventri delle vostre madri sprovvisti di ogni scienza e vi dà udito, occhi e intelletto. Sarete riconoscenti?"
    [An-Nahl 16:78]

    "Quindi gli ha dato forma e ha insufflato in lui del Suo Spirito. Vi ha dato l'udito, gli occhi e i cuori. Quanto poco siete riconoscenti!" [As-Sajdah 32:9]

    "Non seguire ciò di cui non hai conoscenza alcuna. Di tutto sarà chiesto conto: dell'udito, della vista e del cuore". [Al Isrâ' 17:36]

    "Avevamo dato loro mezzi che a voi non abbiamo dato. Avevamo donato loro l'udito, gli occhi e i cuori, ma il loro udito, i loro occhi e i loro cuori non giovarono loro, perché negavano i segni di Allah. Li avvolse ciò di cui si burlavano". [Al-'Ahqâf 46:26]

    "Allah ha posto un sigillo sui loro cuori e sulle loro orecchie e sui loro occhi c'è un velo; avranno un castigo immenso".
    [Al-Baqarah 2:7]

    "In verità creammo molti dei démoni e molti degli uomini per l'Inferno: hanno cuori che non comprendono, occhi che non vedono e orecchi che non sentono, sono come bestiame, anzi ancor peggio". [Al-A'râf 7:179]

    Allora gli occhi hanno funzione limitata rispetto al cuore e alle orecchie. E il proprietario degli occhi può vedere solo le cose che sono presenti nella parte anteriore che hanno la struttura del corpo, come per esempio una figura e persone (esseri viventi). Contrariamente al cuore e alle orecchie, dato che il loro proprietario può avere comprensione delle cose che non può vedere con i suoi occhi, come le cose spirituali e l'informazione che non è materialista.

    Poi dopo ciò, le orecchie hanno funzionalità limitata rispetto al cuore, perché il cuore può capire le cose se ha la conoscenza. Ma le orecchie possono solo ascoltare il discorso che contiene la conoscenza e la passa al cuore, così la sua funzione è quella di passare il discorso. E quando ciò raggiunge il cuore, esso estrae la conoscenza da esso. Così il proprietario della conoscenza è il cuore e tutti gli altri organi sono i mezzi per aiutare la conoscenza a raggiungere il cuore perché il cuore non può farlo da solo. E se qualcuno perde uno di questi organi (orecchio/occhio), allora ha perso la conoscenza che viene attraverso esso al cuore.

    Quindi, i sordi non conoscono la conoscenza presente nel discorso ed i ciechi non conoscono la saggezza che è contenuta nelle cose visibili (che possono essere osservate con gli occhi).

    E simile a questo è uno che vede le cose senza il cuore o ascolta le dichiarazioni dei sapienti senza il cuore, egli non capisce nulla. Quindi tutta la base della conoscenza si trova nel cuore e, di conseguenza, vedete la saggezza in ciò che Allah dice:

    "Non percorrono dunque la terra? Non hanno cuori per capire e orecchi per sentire? Ché in verità non sono gli occhi ad essere ciechi, ma sono ciechi i cuori nei loro petti". [Al-Hajj 22:46]

    Ma qui Allah non menziona gli occhi, come ha fatto nel versetto sopraccennato, poiché Egli sta parlando delle questioni del Ghayb (l'invisibile) e la saggezza delle cose che si possono acquisire guardando ciò che è successo ai popoli precedenti, e l'occhio non ha il potere e l'audacia di comprendere la saggezza dietro questo.

    E allo stesso modo, Allah ha detto:

    "Credi che la maggior parte di loro ascolti e comprenda? Non son altro che animali, e ancora più sviati dalla [retta] via".
    [Al-Furqân 25:44]

    E vedete chiaramente la verità in quello che Allah ha detto:

    "In ciò vi è un monito per chi ha un cuore, per chi presta attenzione e testimonia". [Qâf 50:37]

    Così ci sono due tipi di persone a cui Allah dà la saggezza e loro beneficiano da essa:

    qualcuno che ha trovato da sé la verità e lo ha seguito senza alcun bisogno che qualcuno la chiamasse verso essa, e questo è sahibul-qalb (proprietario di cuore sano),

    oppure un uomo che non capiva la verità da sé, ma ha bisogno di qualcuno per insegnarli la verità, chiarendola a lui e predicarla, e così lui ha ascoltato la verità... (il versetto sopraccennato).

    Il suo cuore è presente e non assente, come Mujahid, rahimahullah, ha detto: "... lui ha acquisito conoscenza e ha beneficiato da essa".

    "Tra loro c'è qualcuno che ti ascolta: potresti far sentire i sordi, che non sono in grado di capire? Qualcun altro guarda verso di te: potresti guidare i ciechi, che nulla vedono?" [Yûnus 10:42-43]

    C'è qualcuno di loro che viene ad ascoltarti, ma Noi abbiamo sigillato i cuori loro e appesantito le loro orecchie, sì che non possano comprendere. Anche se vedessero ogni genere di segni, non crederebbero. Quando vengono a polemizzare con te coloro che non credono, dicono: «Non sono che favole degli antichi!». [Al-An'âm 6:25]

    "Questi è Allah, ecco il vostro vero Signore. Oltre la verità cosa c'è, se non l'errore? Perché, quindi, voltate le spalle?"
    [Yûnus 10:32]



    Tratto da: Majmu’ al-Fatawa di Shaykh-ul-Islam Ibn Taymiyyah, vol. 9

Share This Page