L'Islam nella Bibbia

Discussion in 'Articoli Vari' started by Ibrahim86, Jul 2, 2009.

  1. Ibrahim86
    Offline

    Ibrahim86 la ilaha illa Allah

    Joined:
    May 30, 2009
    Messages:
    26
    Likes Received:
    0
    Trophy Points:
    0
    Gender:
    Male
    Ratings Received:
    +0 / 0
    :salam2:

    BismiLlàhi ar-Rahmàni ar-Rahìm


    L'ISLAM NELLA BIBBIA

    Ristampato dall “The Islamic Bulletin” www.islamicbulletin.com

    L'essenza della religione islamica e' il puro monoteismo (tawhid): esso consiste nell' adorazione
    indirizzata solo ed esclusivamente verso Dio, nella fede in Lui e nei messaggeri da Lui inviati. La
    Bibbia fornisce ampie prove che supportano tale affermazione.
    Il primo dei dieci comandamenti asserisce proprio che :"Io sono il Signore tuo Dio, non avrai altro
    Dio al di fuori di me. Non ti farai idolo o immagine alcuna di quanto e' lassu' nel cielo ne' di quanto
    e' quaggiu' sulla terra, ne' di cio' che e' nelle acque sotto la terra. Non servirai alcuno poiche' io
    sono il Signore tuo Dio". (Esodo 20:2-4).

    "Sappi dunque oggi e conserva bene nel tuo cuore che il Signore e' Dio lassu' nei cieli e quaggiu'
    sulla terra: e non ve n'e' un altro" (Deuteronomio 4:39).

    "... e comprendiate che sono io. Prima di me non fu formato alcun dio, ne' dopo ce ne sara'. Io, io
    sono il signore, fuori di me non v'e' salvatore" (Isaia 43:10-11).
    "... non sono forse io il Signore? Fuori di me non c'e'altro dio; Dio giusto e salvatore non c'e' fuori
    di me. Volgetevi a me e sarete salvi, paesi tutti della terra, perche' io sono Dio: non ce n'e' un
    altro. Lo giuro su me stesso" (Isaia 45: 21-23).
    La seconda parte della formula di fede islamica, la fede in Maometto come inviato di Dio, si
    riallaccia alla frase pronunciata da Gesu' in Giovanni 17:3:
    "E questa e' la vita eterna: che essi conoscano te, unico vero Dio, e Gesu' Cristo che tu hai
    mandato". Il verso puo' essere chiaramente parafrasato secondo la formula di fede islamica: "Non
    c'e' dio al di fuori di Dio e Gesu' Cristo e' il messaggero di Dio", che ha lo stesso significato di
    "Non c'e' dio al di fuori di Dio e Mohammed e' il messaggero di Dio".
    Allo stesso modo, al tempo di Mose' la professione di fede testimoniava l'unicita' di Dio e la fede
    in Mose' in quanto suo messaggero ed inviato.
    La fede islamica implica infatti il riconoscimento della missione di tutti gli inviati di Dio
    antecedenti la venuta di Mohammad.

    LA PREGHIERA ISLAMICA

    I musulmani si tolgono le scarpe prima di pregare. Nella Bibbia e' scritto:
    "Non avvicinarti! Togliti I sandali dai piedi, perche' il luogo sul quale sei e' santo!" (Esodo 3:5).
    I musulmani, inoltre, compiono le abluzioni prima di offrire la preghiera. Anche questa pratica e'
    citata dalla Bibbia, allorche' si afferma:
    "... vi mise dentro l'acqua per le abluzioni. E Mose', Aronne e I suoi figli si lavavano con essa le
    mani ed I piedi quando entravano nella tenda del convegno e quando si accostavano all'altare.
    Essi si lavavano come il Signore aveva ordinato a Mose'" (Esodo 40:31-32).
    I musulmani pregano cinque volte al giorno , dall’alba fino a notte e questo è conforme agli
    insegnamenti biblici: “Sia benedetto il nome del Signore ora e sempre . Dal sorgere del sole al suo
    tramonto sia lodato il nome del Signore.” ( Salmi 113,3).

    Il musulmano prega a specifiche ore del giorno: All’alba, a mezzogiorno al pomeriggio , al
    tramonto ed alla sera.
    Ancora la Bibbia ha evidenziato questo comportamento: “Pietro e Giovanni salirono al tempio
    all’ora della preghiera essendo la nona ora (3 pm) ( Atti 3,1)

    ( equivalente alla preghiera pomeridiana dei musulmani, l' asr).
    Inchinarsi e prosternarsi sulla terra al momento della preghiera sono atteggiamenti che sembrano
    stupire i fratelli cristiani nonostante la Bibbia fornisca numerosi esempi di queste azioni
    “(Gesù) si prostrò con la faccia a terra e pregò” ( Matteo 26,39)
    “ Mosè si curvò fino a terra e si prostrò”. ( Esodo 34,8)
    “ Abramo si prostrò con il viso a terra e Dio parlò con lui.” ( Genesi 17,3)
    “ Quando il servo di Abramo ebbe udito le loro parole si prosternò davanti al Signore.” ( Genesi
    24,52 )
    “Giosue'si chinò con la faccia a terra e si prosternò” ( Giosue' 5,14)
    “Esdra ed il popolo alzarono le mani si inginocchiarono e si prosternarono con la faccia a terra
    dinanzi al Signore.” ( Neemia 8,6)

    Dopo la preghiera i musulmani chiedono la grazia ed i favori di Dio elevando le mani.
    Questa pratica, nella Bibbia, e'comune a molti profeti.
    “ ( Salomone ) dopo la preghiera si alzò davanti all’altare del Signore dove era inginocchiato con
    le palme tese verso il cielo”. ( I Re 8,54)
    “Ezra benedisse il Signore e tutto il popolo rispose Amen, alzando le mani” (Neemia 8,6)


    IL DIGIUNO

    Questo è uno dei cinque pilastri dell’Islam: i musulmani digiunano durante il mese del Ramadan ,
    ma digiunano anche in alcuni altri giorni durante il corso dell’anno per compiacere Dio
    onnipotente.
    “Gesù digiunò per cinquanta giorni” . Matteo ( 5,6) .
    Il suo insegnamento sul digiuno era totalmente islamico:
    “E quando digiunate non assumete aria malinconica come gli ipocriti, che si sfigurano la faccia
    per far vedere agli uomini che digiunano” Matteo ( 6, 16-18).


    LA CARITA’

    Questo è un altro atto obbligatorio del culto islamico chiamato Zakah (termine biblico decima). Le
    leggi riguardanti la carità ed il pagamento della decima sono contenute nel Levitico “ Ogni decima
    della terra, cioè delle granaglie del suolo, dei frutti degli alberi, appartiene al Signore, è cosa
    consacrata al Signore...etc ( Levitico 27,30-33 ).
    Gesù disse: “ Quando fai l’elemosina , non suonare la tromba davanti a te come fanno gli ipocriti
    nelle sinagoghe e per le strade per essere lodati dagli uomini.” ( Matteo 6,1-4 ).

    Anche questo è in pieno accordo con l’insegnamento islamico della carità

    ETICHETTA ISLAMICA

    I musulmani si salutano dicendo “ Assalam alaikum” che significa “ la pace sia con voi”. Questo
    era praticato da Gesù, come possiamo leggere nel Vangelo di Giovanni ( 20, 19-26 ): “ Venne
    Gesù, si fermò in mezzo a loro e disse , la pace sia con voi...,” nel Vangelo di Luca ( 24, 36 )in cui
    si legge “... Gesù apparve in mezzo a loro e disse , Pace a voi”.
    Frequentemente i musulmani usano la frase “Insha Allah”che significa “se Dio vuole". Noi
    troviamo queste istruzioni nella Bibbia: “Ed ora a voi che dite oggi o domani andremo nella tal
    città, vi passeremo un anno e faremo affari e guadagni , mentre non sapete cosa sarà
    domani....Dovreste invece dire , se il Signore vorrà vivremo e faremo questo e quello!” ( Lett. di
    Giacomo 4, 14-15 )


    OSSERVANZE ISLAMICHE

    I musulmani non possono mangiare il maiale . Anche la Bibbia lo proibisce:
    “Ma tra i ruminanti e gli animali che hanno l’unghia divisa non mangerete i seguenti... il porco
    perché ha l’unghia bipartita da una fessura ,ma non rumina e lo considererete immondo” (
    Levitico 11,7-8 )

    I musulmani non bevono vino ed alcolici.
    La Bibbia da’ le ragioni per questa proibizione :
    “Il vino ed il mosto tolgono il senno”( Osea 4.11 ) “Il vino è rissoso il liquore è tumultuoso:
    chiunque se ne inebrierà non è saggio” “ Non essere tra quelli che si inebriano di vino, né tra
    coloro che sono ghiotti di carne perché l’ubriacone ed il ghiottone impoveriranno...”( Proverbi
    20,1 ; 23,20-21 )

    I musulmani non possono praticare l’usura ( prendere interessi sul denaro) . La Bibbia
    raccomanda lo stesso:
    “ Se tu presti denaro a qualcuno del mio popolo, all’indigente che sta con te, non ti comporterai
    con lui da usuraio : voi non dovrete imporgli alcun interesse” . ( Esodo 22,24 )



    L’intenzione di questo documento non è quella di presentare l’Islam come un ramo del
    Cristianesimo, ma di mettere in evidenza le similitudini esistenti tra loro. L’Islam è un completo
    modo di vivere. Le somiglianze sono così forti in quanto per entrambi i messaggi la fonte è la
    stessa, Dio onnipotente.La sola differenza è che i cristiani hanno abbandonato queste pratiche
    mentre i musulmani le seguono. Essi, dunque, non dovrebbero considerare strane le pratiche
    della religione islamica, poiche' queste rappresentano l'obbedienza al comando dell’ Onnipotente.
    Sarebbe certamente bello se anche i cristiani oggi seguissero queste pratiche. Forse Dio
    l’Onnipotente ha dato a noi musulmani il coraggio e la saggezza di vedere la verità per essere
    guidati sulla giusta strada.

    FONTE: http://www.islamicbulletin.com/

Share This Page