Ogni bid'ah (innovazione) è smarrimento

Discussion in 'Manhaj, Metodologia' started by Ismail Albani, Jun 23, 2009.

  1. Ismail Albani
    Offline

    Ismail Albani Tasfiyah wa Tarbiyah

    Joined:
    Oct 3, 2007
    Messages:
    450
    Likes Received:
    42
    Trophy Points:
    38
    Gender:
    Male
    Ratings Received:
    +43 / 0
    Ogni bid'ah (innovazione) è smarrimento

    Da: Imam Muhammad Nasir-ud-Din Al-Albani

    In verità la lode spetta solo ad Allah. Lui lodiamo e il Suo aiuto e perdono chiediamo. Cerchiamo rifugio in Allah dal male di noi stessi e il male delle nostre azioni. Colui che Allah guida, nessuno lo può sviare, e colui che Allah svia, nessuno lo può guidare. Testimonio e dichiaro che non c'è divinità degna di culto tranne Allah solo e senza partner, e testimonio che Muhammad è il Suo servo e Messaggero.

    "O voi che credete, temete Allah come deve essere temuto e non morite non musulmani".
    [Âl 'Imrân 3, 102]

    "Uomini, temete il vostro Signore che vi ha creati da un solo essere, e da esso ha creato la sposa sua, e da loro ha tratto molti uomini e donne. E temete Allah, in nome del Quale rivolgete l'un l'altro le vostre richieste e rispettate i legami di sangue. Invero Allah veglia su di voi". [An-Nisâ' 4, 1]

    "O credenti, temete Allah e parlate onestamente, sì che corregga il vostro comportamento e perdoni i vostri peccati. Chi obbedisce ad Allah e al Suo Inviato otterrà il più grande successo". [Al-Ahzâb 33, 70-71]

    In verità, il migliore discorso è la Parola di Allah e la migliore guida è la guida di Muhammad. Le azioni peggiori sono quelle inventate, e ogni invenzione è bid'ah, ogni bid'ah è smarrimento e ogni smarrimento porta nel Fuoco...

    Quanto a ciò che segue:

    Una cosa su cui i sapienti musulmani non differiscono tra loro è il fatto che l'Islam è stabilito su due principi magnifici e fondamentali. Veramente loro sono: 1) adorare solo Allah libero da ogni altra cosa e 2) seguire e prendere come esempio solo il Profeta (sallAllahu 'alayhi wa sallam) libero da ogni altro esempio.

    Tuttavia, ciò che vorrei discutere qui riguarda solo il principio che afferma: la fede (Iman) di un musulmano non diventa completa finché creda che Muhammad (sallAllahu 'alayhi wa sallam) è il Messaggero di Allah. E se qualunque persona sulla faccia di questa terra testimoniasse l'Unicità di Allah secondo le tre categorie (del Tawhid), allora non sarà un credente finché aggiunge alla sua credenza che Muhammad (sallAllahu 'alayhi wa sallam ) è il Suo servo e Messaggero. Così se è questo il senso, allora è necessario per ogni musulmano affinché impari il significato di questa bella dichiarazione (di Tawhid):

    "E sappi che Lâ ilâha illa Allah (non c'è divinità degna di culto tranne Allâh)" [Muhammad 47:19],

    ... e di riconoscere il vero senso del suo significato in due parti. In primo luogo, credere in essa e in secondo luogo, metterla nella realtà di se stesso, il suo culto e la sua fede in Allah.

    Similmente, è un obbligo su ogni musulmano di sapere il significato di "E testimonio che Muhammad è il Suo servo e Messaggero." Questa testimonianza (che Muhammad è servo e Messaggero di Allah) completa la prima testimonianza (che non vi è alcuna divinità che ha il diritto di essere adorato tranne Allah). Dunque dovuto a questo, la testimonianza (di fede) non diventa completa a meno che il musulmano creda in questa (seconda) testimonianza - capendola, credendo in essa ed accettandola in primo luogo, e poi applicandola negli affari della sua vita, in secondo luogo. Quindi il nostro detto: "E io testimonio che Muhammad è il Suo servo e Messaggero" richiede, tra le altre cose, che noi crediamo che Muhammad (sallAllahu 'alayhi wa sallam) ha trasmesso il messaggio e che ha svolto il suo compito nella sua completa e perfetta forma, in modo tale che chiunque che viene dopo di lui, indipendentemente dall'alto o elevato potrebbe essere, non può correggere o modificare una parte di esso (del messaggio). Il nostro Signore, Glorificato ed Esaltato sia Lui, ha indicato questo fatto nel Suo detto:

    "Oggi ho reso perfetta la vostra Religione, ho completato per voi la Mia grazia e Mi è piaciuto darvi per religione l'Islam". [Al-Mâ'ida: 3]

    Questo è il motivo per cui è autenticamente riferito dal Profeta (sallAllahu 'alayhi wa sallam) da numerosi sentieri di narrazione che ha detto: "Non ho lasciato un sola cosa che vi porterà più vicino ad Allah e che vi allontanerà dal Fuoco, ad eccezione del fatto che ho comandato ad essa. E non ho lasciato un sola cosa che vi porterà più vicino al Fuoco e che vi allontanerà da Allah, tranne che vi ho vietato da essa." Così non è stato lasciato alcun margine per modificare nulla in esso, sia che si tratti di una cosa semplice o una cosa banale.

    Ecco perché è stato segnalato dall'Imam di Dar-ul-Hijrah (Madinah), Imam Malik Ibn Anas, possa Allah avere misericordia di lui, che ha detto:

    "Chiunque introduce in Islam un'innovazione, che egli ritiene sia buona, allora egli ha affermato che Muhammad (sallAllahu 'alayhi wa sallam) ha tradito (la fiducia della trasmissione) il messaggio. Leggi il detto di Allah, l'Eccelso e il Maestoso: "Oggi ho reso perfetta la vostra Religione, ho completato per voi la Mia grazia e Mi è piaciuto darvi per religione l'Islam". Così qualunque cosa che non era (parte della) Religione in quel giorno, non è (parte della) Religione in questo giorno. E l'ultima parte di questa Ummah non sarà rettificata tranne da ciò che ha rettificato la sua prima parte".

    Questo è stato dalla comprensione di Imam Malik, l'Imam di Dar-ul-Hijrah, in modo tale che egli ha chiaramente affermato in un linguaggio chiaro arabo che chi introduce in Islam un'innovazione e poi sostiene che si tratta di qualcosa di buono, egli ha infatti affermato che Muhammad (sallAllahu 'alayhi wa sallam) ha tradito il messaggio. E chi fa questa affermazione, egli non crede (veramente) che "Muhammad è il Suo servo e Messaggero." Come si vede chiaramente nelle parole di questo nobile Imam, essa (l'innovazione) "non è (parte della) Religione in questo giorno".

    Dunque è dovere sul musulmano di attuare la sua Ittiba' (seguire il Profeta), in modo che egli sia veritiero (nella sua dichiarazione) che Muhammad, il Messaggero di Allah, è il Suo servo e Messaggero. E che egli (sallAllahu 'alayhi wa sallam) ha portato il messaggio completo e puro, senza aggiungere o sottrarre da esso. Se questo è il caso, allora ogni musulmano deve riconoscere il suo limite ed arrestarsi ai punti in cui il suo Profeta (sallAllahu 'alayhi wa sallam) ha posto dei limiti per lui, come gli atti di culto e le azioni di obbedienza (ad Allah). Questo è dovuto al fatto che la penna è asciugata con ciò che è stato rivelato in precedenza (cioè non c'è più rivelazione dopo Muhammad). E non c'era spazio lasciato aperto per l'approvazione di un atto di culto che non esisteva precedentemente nei primi giorni (cioè del Profeta). Di conseguenza, i nostri pii predecessori (Salaf as-Salih) sono venuti e andati tutti riconoscendo il limite del Profeta (sallAllahu 'alayhi wa sallam) in quanto in primo luogo ha compiuto la sua missione ed ha trasmesso il messaggio, come sapete. E (in secondo luogo) che egli è stato il miglior adoratore tra gli adoratori di Allah e che temeva Allah maggiormente. Quindi, non c'è spazio per correggere lui:

    1. Dal punto di vista di legiferazioni (le questioni rivelate) nella Religione, come avete sentito il versetto e il commento di Imam Mailk al riguardo.

    2. Tale che può essere preteso che c'è qualcuno che è migliore e più adoratore (di Allah) rispetto al Messaggero di Allah (sallAllahu 'alayhi wa sallam). Questo è impossibile.

    Così chiunque capisce questi due fatti, che sono connessi al proprio credo che Muhammad (sallAllahu 'alayhi wa sallam) è servo e Messaggero di Allah, egli limiterà il culto che esegue per Allah solo a ciò che è stato riportato dal Profeta (negli ahadith). Ed egli non metterà davanti a sé alcun esempio o modello diverso dal Profeta (sallAllahu 'alayhi wa sallam). Né mai pretenderà questo secondo punto, il che significa che è impossibile che possa entrare nella mente di qualunque credente che egli è più deferente di Allah o più timorato di Allah o più adoratore di Allah rispetto a lui (sallAllahu 'alayhi wa sallam). Questo è qualcosa di impossibile.

    Menzioneremo ciò che è stato riferito nelle due collezioni di Sahih sull'autorità di Anas Ibn Malik (radiyAllahu 'anhu), che un gruppo di persone sono andati a vedere il Profeta (sallAllahu 'alayhi wa sallam), ma hanno chiesto alle sue mogli perché non potevano trovarlo. Così hanno chiesto alle sue mogli per quanto riguarda il culto del Profeta - del suo stare in piedi nella preghiera di notte, il digiuno durante il giorno e sui suoi rapporti con le mogli. Così esse hanno accennato a loro ciò che sapevano della sua guida in materia - e la sua guida è la migliore guida sulla faccia di questa terra come si afferma nella Khutbah al-Hajjah: “Wa Khayrul-Huda, Huda Muhammad (E la migliore guida è la guida di Muhammad)". Le mogli del Profeta hanno menzionato a questi uomini che egli (sallAllahu 'alayhi wa sallam) digiunava e rompeva il suo digiuno, pregava durante la notte ma anche dormiva e che sposava le donne.

    Anas (radiyAllahu 'anhu), ha detto: "Quando hanno sentito ciò dalle mogli del Profeta (sallAllahu 'alayhi wa sallam), hanno trovato il suo culto ad essere piccolo." Essi hanno pensato che fosse poco a causa di ciò che era stabilito nelle loro menti che il Profeta deve pregare tutta la notte e che egli deve digiunare per tutto il tempo e che era un monaco e non si avvicinava alle sue mogli. Così sono stati scossi quando hanno trovato qualcosa che non era in conformità con i loro concetti. Quindi hanno presunto che la ragione per questo era perché Allah aveva perdonato tutti i peccati del Profeta, passati e futuri. Quindi è come se dicessero: "Il Profeta (sallAllahu 'alayhi wa sallam) ha solo minimizzato il suo culto - che hanno pensato ad essere poco - perché Allah aveva perdonato i suoi peccati. E non c'era alcun ostacolo ad impedirlo di aumentare il culto per il suo Signore".

    Questo è stato un errore da parte loro, senza dubbio. Questo poiché non sapevano che questo culto, che hanno pensato ad essere poco, era in realtà il culto che non potrebbe essere soddisfatto anche dal migliore adoratore tra gli uomini, neppure da Dawud (alayhis-salam) su cui è autenticamente riferito in Sahih Al-Bukhari che il Profeta (sallAllahu 'alayhi wa sallam), ha detto: "Dawud è stato il miglior adoratore tra gli uomini." Questo gruppo di persone non sapevano che il Profeta era il miglior adoratore tra gli uomini con questo culto (il suo) e che neanche il miglior adoratore tra gli uomini non era in grado di eseguire il suo culto, come ho già detto.

    E ciò è stato dalle cose che ad egli (sallAllahu 'alayhi wa sallam) è stato chiesto quando alcune persone - che erano ben consapevoli delle sue abitudini, non come quel gruppo di persone che era ignorante delle sue abitudini - l'hanno trovato e hanno sentito compassione per lui (sallAllahu 'alayhi wa sallam), perché lo hanno visto stare in piedi nella preghiera finché i suoi piedi erano diventati gonfi. Allora gli dissero: "O Messaggero di Allah! Allah ha perdonato i suoi peccati passati e futuri." Hanno inteso da questo: "Abbi pietà di te, o Messaggero di Allah! Alleggerisciti nel culto, perché i piedi sono diventati gonfi". E la sua risposta è stata: "Afala akunu abdan shakura (Non dovrei allora essere un servo riconoscente)!?"

    Questa è una confutazione del falso ragionamento impiegato da quel piccolo gruppo di persone, i quali hanno detto che il motivo perché il culto del Profeta era piccolo è stato perché Allah ha perdonato i suoi peccati passati e futuri. Essi non erano a conoscenza del fatto che il Profeta (sallAllahu 'alayhi wa sallam) stava in piedi nella preghiera di notte finché i suoi piedi diventavano gonfi. Così, quando è stato detto a lui: "O Messaggero di Allah! Allah ha perdonato i suoi peccati passati e futuri", ha risposto: "Non dovrei allora essere un servo riconoscente?"

    Basandosi su ciò che hanno immaginato che questo era un piccolo culto da parte del Profeta e su quello che sapevano che Allah aveva perdonato i suoi peccati passati e futuri, ogni persona in questo piccolo gruppo ha presunto che erano obbligati a superarlo nel culto e che essi devono superare ciò che hanno sentito del culto del Profeta per quanto riguarda il suo digiuno, la preghiera durante la notte e le relazioni con le donne. Così hanno fatto le seguenti promesse a sé stessi: la prima persona ha detto: "Io pregherò per tutta la notte e non dormirò." Il secondo disse: "Quanto a me, digiunerò sempre e non lascerò un giorno senza digiuno". E la terza persona ha detto: "Non sposerò le donne."

    Perché? Poiché hanno presunto che il matrimonio era una distrazione e un allontanamento dal perfezionamento del culto verso Allah. Ma loro non hanno saputo - ed Allah conosce meglio, ma a me sembra che essi erano nuovi (ritornati) all'Islam che non avevano ancora imparati i Comandi e le Sentenze dell'Islam - che il matrimonio era a sua volta culto, come si trova nel famoso hadith, quando un gruppo di gente povera sono andati dal Profeta (sallAllahu 'alayhi wa sallam) e hanno detto:

    "Le persone con più ricchezza e reddito ci hanno superato - essi pregano come preghiamo noi, digiunano come digiuniamo noi, eseguono il Hajj come eseguiamo noi il Hajj e danno soldi in beneficenza, mentre noi non riusciamo a dare nulla in beneficenza!" E il Profeta (sallAllahu 'alayhi wa sallam) disse loro: "Non vi ho diretto verso qualcosa che, se lo fate, supererete quelli davanti a voi e quelli dietro di voi non saranno mai in grado a catturare voi (nella ricompensa), ad eccezione di quelli che fanno lo stesso come voi?" Dunque il rappresentante dei poveri è tornato dai suoi compagni tra i poveri e ha raccontato a loro le buone notizie che sono venute dal Profeta. Ed essi sono diventati molto felici all'ascolto di ciò. Tuttavia, non è passato molto tempo prima che il loro rappresentante andasse dal Messaggero di Allah per dirgli: "O Messaggero di Allah! Ciò che ci avete detto è stato trasmesso alla gente ricca e così hanno cominciato a fare ciò che stiamo facendo noi." Così il Messaggero di Allah (sallAllahu 'alayhi wa sallam), ha detto: "Dhalika Fadlullah, yu’tihi mayyashah (Questo è dono di Allah, che Egli dà a chi vuole)".

    Questa è la narrazione di Imam Muslim trovato nel suo Sahih. In un altro racconto del hadith è riportato che il Profeta (sallAllahu 'alayhi wa sallam) disse loro: "In verità, in ogni tasbih (dicendo SubhanAllah) c'è carità per voi. E in ogni tahmid (dicendo Al-Hamdulillah) c'è carità. E in ogni takbir (dicendo Allahu Akbar) c'è carità. E in ogni tahlil (dicendo Bismillah) c'è carità. Comandare il bene è carità e vietare il male è carità. E togliere un ostacolo dannoso dalla strada è carità". Poi il Profeta (sallAllahu 'alayhi wa sallam) ha continuato a menzionare molte caratteristiche nobili. Poi disse alla fine del hadith: "E nei vostri rapporti con le vostre mogli c'è carità". Hanno detto con stupore: "O Messaggero di Allah, uno di noi soddisferà il suo desiderio (con la moglie) ed otterrà ricompensa per ciò?" Allora il Profeta (sallAllahu 'alayhi wa sallam) ha detto: "Non vedete che se uno lo soddisfa in una maniera vietata avrà un peso (del peccato) per questo?" Hanno detto: "Certo, o Messaggero di Allah". Allora egli disse: "Allora similmente, se lo soddisfa in una maniera legittima sarà ricompensato per questo."

    Quindi non erano al corrente di questo hadith e di altri ahadith in cui è trovato un incitamento per sposarsi e in particolare nella produzione di bambini e progenie, come è riportato nel hadith autentico: "Sposate la donna fertile e amorevole, perché davvero gareggerò con le altre nazioni con voi nel Giorno del Giudizio, per quanto riguarda a chi ha più seguaci".

    Quindi, quello che si sposa e si mantiene casto e mantiene la sua moglie casta, sarà ricompensato per questo. Questo gruppo era ignorante di questo, dunque c'era uno fra loro che ha fatto una promessa vincolante per sé stesso che non si sposerebbe, dicendo: "Quanto a me, io non sposerò le donne." Dopo che questo gruppo si è allontanato e quando il Profeta (sallAllahu 'alayhi wa sallam) è tornato a casa, le sue mogli lo hanno informato di ciò che hanno sentito da quel gruppo di persone e le promesse che hanno fatto a sé stessi. Così il Profeta (sallAllahu 'alayhi wa sallam) ha tenuto una khutbah (sermone) su questo nel suo Masjid, dicendo: "Che cosa c'è in queste persone che dicono così e così" (?) - Ripetendo al pubblico ciò che questi individui, che erano andati a casa sua, avevano detto. "Quest'ultima persona non sposerà le donne. Il secondo ha detto che digiunerà quotidianamente e non lascerà un giorno senza digiuno. E l'altro ha detto che pregherà per tutta la notte e non dormirà."

    Tuttavia era dalle etichette del Profeta (sallAllahu 'alayhi wa sallam) che quando ammoniva, rimproverava e insegnava alla gente, egli nascondeva le colpe di chi ha commesso errori o peccato (non menzionando i loro nomi). Quindi egli li esponeva, ma piuttosto rendeva tali dichiarazioni come quella che avete appena letto sopra: "Che cosa c'è in queste persone che dicono così e così" Questo è dovuto al fatto che non vi è beneficio nel citare (il nome del) la persona che ha commesso un errore, a meno che il suo errore coinvolge un grande gruppo di persone ed è presente (per il ricordo). Ma se la gente partono e lui li lascia, l'occasione per ricordare loro va via. Dunque in questa situazione, uno deve menzionare ciò alle persone pubblicamente. E non è come ritengono alcune persone che sanno della saggezza e della dolcezza, quando comandano il bene e vietano il male, dato che non si rendano conto che la dolcezza non annulla la manifestazione della critica verso chi sbaglia, se il suo errore coinvolge un gruppo di persone . Le storie dei nostri Salaf (pii predecessori), tutta la lode è per Allah, sono piene di trasmissioni che testimoniano questo fatto. È sufficiente per me accennare solo ciò che i due Shuyukh (Al-Bukhari e Muslim) hanno riportato nei loro Sahihayn dal hadith di 'Abdullah Ibn 'Umar, radiyAllahu 'anhu, che ha detto:

    "'Umar Ibn Al-Khattab, radiyAllahu 'anhu, stava tenendo la khutbah del venerdì - naturalmente nella moschea del Profeta – quando è entrato un uomo dai compagni del Messaggero di Allah - e in una narrazione dichiara che era 'Uthman Ibn' Affan. Così 'Umar ha fermato la sua khutbah e si rivolse verso questa persona che era venuto in ritardo ed aveva mancato la venuta presto per sentire il dhikr e la khutbah del Jumu'ah. Così l'uomo ha risposto dicendo: 'O comandante dei credenti, non ho fatto niente tranne che ho sentito l'Adhan, ho eseguito il wudu e poi sono venuto in moschea'. Così ('Umar) gli disse rimproverandolo in un modo interrogativo di disapprovazione: 'Il wudu anche, però io ho sentito il Messaggero di Allah (sallAllahu 'alayhi wa sallam) dire: Chi va a (pregare) Jumu'ah, allora egli dovrebbe eseguire ghusl (bagno)'".

    Il punto che deriviamo da questa trasmissione è che egli (radyAllahu 'anhu) ha rimproverato 'Uthman Ibn 'Affan pubblicamente di fronte a un grande raduno di testimoni, perché è venuto alla fine della khutbah e la preghiera del Jumu'ah. Così dunque: Il principio di insegnamento e di ricordare qualcuno è basato sul fondamento di: "Nascondere i difetti delle persone, a meno che ci sia un beneficio che richiede che sia fatto in pubblico". Questo è il principio che il Messaggero di Allah ha attuato quando ha tenuto la khutbah in merito a quel gruppo di persone che era venuto a casa sua. Allora egli disse: "Che cosa c'è in queste persone che dicono così e così" facendo un'indicazione di loro ma non nominando nessuno di loro.

    Il punto è che il Profeta (sallAllahu 'alayhi wa sallam), ha detto: "Quanto a me ...", che è una confutazione dell'essenza di ciò che era dichiarato da quelle persone che hanno sostenuto che il motivo per cui il Profeta eseguiva poco culto era dovuto al fatto che Allah aveva perdonato i suoi peccati passati e futuri. Allora egli disse: "Quanto a me, allora io sono il più timoroso di Allah tra voi, ed il più deferente verso Allah. Quanto a me, allora veramente digiuno e non digiuno" - che vuol dire che non digiuna per tutto il tempo. "E prego di notte ma anche dormo" - che vuol dire che non rimango per tutta la notte (in preghiera), come avviene da parte di quegli estremisti tra i fedeli che cercano di aumentare e superare il culto del Messaggero di Allah. Questo è il motivo per cui 'A'ishah ha detto, come è registrato in Sahih Muslim: "Il Profeta non è mai rimasto una notte intera nel culto".

    Quindi il Profeta (sallAllahu 'alayhi wa sallam) ha detto, ricordandoci che la Religione è moderazione e il culto è moderazione - né esagerazione né negligenza: "Quanto a me, allora io sono il più timoroso di Allah tra voi, ed il più deferente verso Allah. Quanto a me, allora veramente digiuno e non digiuno. E prego di notte ma anche dormo. E io sposo le donne. Quindi chi si allontana dalla mia Sunnah, allora non è da me."

    Così la Sunnah del Profeta, come è arrivata a noi dall'Islam, è quella che tutti i musulmani sono obbligati ad aderire. E garantisco che se Dawud - che è stato il miglior adoratore tra gli uomini secondo la testimonianza del Messaggero di Allah - venisse dopo che era inviato il Profeta con questo Islam completo e perfetto, egli non sarebbe in grado di circondare tutti gli atti di culto del Profeta. Ciò significa tutti gli atti di culto che il Messaggero di Allah ha portato attraverso il discorso, le azioni o l'approvazione silenziosa. Dovuto a questo, non rimane motivo per ogni musulmano di aggiungere un atto di culto dopo che Allah ha completato la Sua Religione con l'invio del Suo Profeta con questo perfetto Islam.

    Così, dopo la comprensione che il Profeta è il miglior adoratore tra l'umanità e il più deferente e timoroso di Allah tra loro, allora non dovrebbe essere nulla che seguire il Messaggero di Allah (sallAllahu 'alayhi wa sallam). Siamo certi che non potremo mai circondare il culto del Messaggero di Allah, ad eccezione di tanto in tanto o in brevi periodi di tempo. Quindi, siamo completamente incapaci di seguire e rintracciare le orme del Messaggero di Allah nel suo culto. Questo è impossibile - per quanto riguarda ogni individuo tra gli uomini dopo il Profeta.

    Pertanto, non rimane nulla dinanzi a noi, tranne che ci sforziamo per due cose:

    1. Per imparare la Sunnah del Messaggero di Allah in tutte le questioni che sono venute a noi dall'Islam - sia nel Credo ('Aqidah) o in Culto o nelle caratteristiche e le maniere. E come ho detto prima, non saremo mai in grado di fare qualcosa di più che imitare lui, come si dice:

    "Così imitate (loro), se non siete come loro,
    In verità, imitare quelli giusti è successo".

    Nessuno di noi deve imitare qualcuno tra gli uomini ad eccezione di lui (sallAllahu 'alayhi wa sallam), perché egli è il più perfetto degli esseri umani secondo l'unanimità. E chiunque imita lui dopo che è andato, sarà sopraffatto dal suo oceano di culto.

    2. Questa è la prima cosa - che dobbiamo conoscere la Sunnah del Messaggero di Allah secondo il significato ampio ed esteso. Questo è dal detto del Profeta riguardo a quel gruppo di persone: "Quindi, chi si allontana dalla mia Sunnah, allora non è da me". Questa frase in questo generale hadith non fa riferimento all'abbandono degli atti di Sunnah raccomandati, per esempio, che questa persona non è dal Profeta. Questo non è ciò che si intende dal hadith. Piuttosto, il significato del hadith è: "Chi si allontana dalla mia Sunnah" significa dal mio Percorso e dalla mia Metodologia in tutte le cose della mia vita religiosa. Questo è il tipo di persona che non è da lui. E questo tipo di persona varia in relazione alla sua lontananza da quanto segue il Profeta.

    Quindi la Sunnah ha due significati:

    1. Il significato che è religioso e che è basato nella lingua araba, ed è ciò in cui era il Messaggero di Allah (sallAllahu 'alayhi wa sallam) e quelli che hanno seguito la sua strada.

    2. Il significato trovato nell'usanza dei Fuqaha nella divisione del culto in due tipi - Fard (obbligatorio) e Sunnah (raccomandato). La Sunnah qui in base alla loro definizione è: "Ciò di cui la persona che lo compie sarà ricompensato e colui che lo abbandona non sarà punito".

    Per quanto riguarda la persona che abbandona la Sunnah del Messaggero, con il suo primo significato - cioè il suo percorso e metodologia - allora questa persona è in deviazione. E la sua deviazione può essere grande o piccola a seconda della sua vicinanza o lontananza nel seguire il Messaggero di Allah. Quindi, sulla base di questo, non dobbiamo avere bisogno per modificare e introdurre una "buona innovazione" (bid'ah hasanah) in Islam, sostenendo che non vi è nulla di sbagliato in questa innovazione. Questo è dovuto al fatto che dobbiamo trovarci falliti e incapaci di seguire il nobile Profeta in tutto ciò che è stato segnalato a noi riguardo al suo culto, sia esso legato alle suppliche, preghiere e ricordi (dhikr). Quindi, è sufficiente per noi solo seguirlo, in base alle nostre capacità. Qui vorrei citare un racconto riportato da Al-Bukhari nel suo Sahih in modo che possiate realizzare il valore del detto di Allah: "Oggi ho reso perfetta la vostra religione, ho completato per voi la Mia grazia e Mi è piaciuto darvi per religione l'Islam". [Al-Mâ'ida 5: 3]

    Al-Bukhari ha riferito che uno dei rabbini ebrei è andato da 'Umar Ibn Al-Khattab durante il tempo del suo Califfato e gli disse: "O Comandante dei credenti! C'è un versetto del Libro di Allah che se fosse stato rivelato a noi - un gruppo di ebrei - avremmo preso il giorno che è stato rivelato come un giorno di 'Eid (festa)." Egli ('Umar) gli ha chiesto: "Qual è il versetto?" Così il rabbino ha menzionato il versetto: "Oggi ho reso perfetta la vostra religione..." Così 'Umar ha detto: "Questo versetto è stato infatti rivelato in un giorno di 'Eid, il giorno del Jumu'ah, mentre il Messaggero di Allah era in 'Arafat (cioè nel suo pellegrinaggio di addio). E questo versetto è stato effettivamente inviato giù in un grande giorno, in cui vi è una combinazione di due virtù e due 'Eid: 'Eid di Jumu'ah e 'Eid di 'Arafat".

    Perché questo ebreo disse: "Se fosse stato rivelato a noi, avremmo preso il giorno che è stato rivelato come un giorno di 'Eid?" È perché era consapevole della grandezza di questa benedizione, che Allah ha accordato ai Suoi servi. Ma come sono i musulmani di oggi? Purtroppo non riusciamo a dare a questa grande benedizione il valore che gli spetta. Questo è il motivo per cui trovate molte persone in passato - nelle generazioni precedenti - che hanno riempito i musulmani con preghiere, parole di ricordo (dhikr) e suppliche con cui il Profeta non è venuto. Che cosa è venuto a noi dal Profeta è veramente sufficiente e adeguato, in realtà è più che le nostre capacità umane possono cogliere. Tuttavia, ognuno di noi prende da questo culto ciò che egli è in grado e ciò che è conforme alla sua capacità e possibilità.



    Fonte: La Rivista Asalah, edizione nr. 21
  2. hayat84
    Spaced
    Offline

    hayat84 I'm not what you believe

    Joined:
    Jan 4, 2010
    Messages:
    2,096
    Likes Received:
    70
    Trophy Points:
    58
    Gender:
    Female
    Occupation:
    housewife,Islam-spreader
    Location:
    Italy
    Ratings Received:
    +169 / 4
    :salam2:
    "Per quanto riguarda la persona che abbandona la Sunnah del Messaggero, con il suo primo significato - cioè il suo percorso e metodologia - allora questa persona è in deviazione. E la sua deviazione può essere grande o piccola a seconda della sua vicinanza o lontananza nel seguire il Messaggero di Allah. Quindi, sulla base di questo, non dobbiamo avere bisogno per modificare e introdurre una "buona innovazione" (bid'ah hasanah) in Islam, sostenendo che non vi è nulla di sbagliato in questa innovazione. Questo è dovuto al fatto che dobbiamo trovarci falliti e incapaci di seguire il nobile Profeta in tutto ciò che è stato segnalato a noi riguardo al suo culto, sia esso legato alle suppliche, preghiere e ricordi (dhikr). Quindi, è sufficiente per noi solo seguirlo, in base alle nostre capacità."Queste parole mi hanno particolarmente colpita,per il fatto che insomma dal momento che ho scelto di diventare muslima,non ho del tutto seguito la Sunnah come veniva chiesto.Così portare l'hijab fa parte di una innovazione bouna oppre la sunnah specifica che l'abbigliamento femminile è fatto di vestiti adatti all'Islam,vale a dire va indossato un velo che copra di più e nella parte inferiore ci si deve vestire con qualcosa di non troppo colorato?E gli uomini che non portano la barba lunga,sono deviati perchè non seguono al 100% la sunnaH?però è vero,bisogna usare l'intelligenza nelle cose,e una volta non era semplice per i primi "discepoli" del profeta:)saw:)che lo vedevano pregare per ore intere,digiunare senza sosta e non avvicinarsi alle sue spose.Non potremo mai sapere davvero se era così o se era solo un punto di vista di questi uomini a quel tempo "ignoranti",nel senso che ignoravano.Bisogna stare nella via di mezzo,e da quello che posso aver percepito da questo discorso è che un buon muslim sa distinguere il giusto dallo sbagliato,si comporta secondo le sue capacità,essendo più profondo o meno,nel suo professare la religione,ma credo che il vero muslim,qui su questa Terra al giorno d'oggi,non esista e chissà se sarà mai esistito,visto che Allah ci ha lasciati qui,preda delle nostre passioni e vittime dei nostri errori.C'è chi può interpretare la sunnah in maniera più ristretta e non sentire il bisogno di sposarsi,perchè Allah lo ha completato così e chi si sente più vicino a Lui digiunando o pregando assiduamente:sono tutte cose che fanno parte del modo di vedere di ciascun credente,ma se uno nella vita non trova l'anima gemella,e si sente più appagato nel ricordo di Allah,Egli lo ricompenserà per il suo agire.è un buon argomento,mi piacerebbe saperne di più per poi poterlo spiegare meglio a chi mi dovesse fare delle domande.Grazie :ma:
  3. um muhammad al-mahdi
    sunnah
    Offline

    um muhammad al-mahdi لا اله الا الله محمد رسول الله Staff Member

    Joined:
    May 17, 2007
    Messages:
    3,425
    Likes Received:
    345
    Trophy Points:
    93
    Gender:
    Female
    Location:
    England
    Home page:
    Ratings Received:
    +537 / 3
    assalamu alaykum sorella,

    capisco cosa intendi, il nostro miglior esempio è e sempre sara' il Profeta :saw: poi ricordiamoci che Allah ha reso l'Islam come una religione perfetta ma i Musulmani non lo sono, la hawla wa la quwata illa billah.

    Ti sono vicina quando parli di seguire "strettamente" la Sunnah e capisco il tuo discorso ma per esperienza personale, ti posso dire che la Sunnah l'ho cominciata a seguire giorno dopo giorno, passo dopo passo, piano piano, fino ad amarla cosi' tanto da volerla seguire nel modo migliore insha'Allah! E credimi, una volta che si è sinceri con Allah e si hanno le migliori intenzioni, cioè farlo per Allah e nessun'altro, (come ad esempio coprirsi da capo a piedi o far crescere la barba ecc.) tutto diventa facile.... ed è una bellissima sensazione che aumenta la propria fede... ameen!

    :jazaak:

    :salam2:
  4. hayat84
    Spaced
    Offline

    hayat84 I'm not what you believe

    Joined:
    Jan 4, 2010
    Messages:
    2,096
    Likes Received:
    70
    Trophy Points:
    58
    Gender:
    Female
    Occupation:
    housewife,Islam-spreader
    Location:
    Italy
    Ratings Received:
    +169 / 4
    :salam2:
    anche a me piacerebbe essere così integrale come te e come molte sorelle.ricordo la prima volta che indossato un hijab mi vergognavo di essere "diversa" perchè tutti mi guardavano in modo strano,ma nel momento in cui ho fatto mia questa maniera di vestire,ho notato che mi si guardava normalmente,questo perchè ho capito e condiviso il fatto di distinguermi da coloro che non erano come me.mi manca un altro passo per raggiungere il mio scopo,e cioè integrare questo mio modo di vestire e vedere gli altri senza che mi vedano.Immagino la sensazione di appagamento interiore che si prova a coprirsi,ma ne ho di strada da fare,vorrei sapere,se non sono troppo indiscreta,magari attraverso un tuo messaggio privato a che età hai preso la Retta Via,sorella,perchè sei un esempio di Iman grandissimo.se tutte le donne fossero come te,a quest'ora il Paradiso sarebbe sovraffollato!quello che mi preme di sapere a proposito di buone innovazioni,visto che il Quran detta diritti e doveri della donna sposata e a quanto ho capito la donna è quella che si deve prendere cura della casa e dei figli,perchè il denaro lo porta a casa il marito.Fa parte di un cosa positiva che oggigiorno anche la donna muslima abbia uno stipendio come l'uomo?In marocco in particolare,(terra bellissima)ho visto molte donne lavorare ed essere intraprendenti;ma io ho letto sul Quran che la donna più credente è quella che si nasconde e che si comporta pudicamente;forse tutto questo fa parte di cattive innovazioni,perchè se oggi la donna musulmana vuole lavorare,un domani vuole diventare presidente di qualche Stato e perdere il suo senso di riservatezza come il Quran dice.:confused:Io sono un pò perplessa,perchè da una parte farebbe comodo con la crisi economica che c'è nel mondo,lavorare entrambi,e molte volte mi sono augurata di lavorare in marocco non per guadagnare,ma per andare alla Mecca un domani(chi me lo paga il viaggio se non ci sono soldi?),ma dall'altro lato sono estremamente contenta che a lavorare ci pensi mio marito,perchè è dura per una donna doversi alzare presto tutte le mattine e arrivare stanche a casa.Sono molto amorevole con mio marito,lo metto sempre in primo piano,ma vorrei che mi desse la possibilità di provare a coprirmi integralmente,perchè mi farebbe sentire più sicura di me stessa.sembra strano,ma da quando indosso l'hijab,non sono così impacciata come una volta:prima temevo gli sguardi degli altri su di me,ma quando ho scoperto come si faceva per proteggersi da tutto ciò,mi ci sono buttata a capofitto.Sorella che Allah ti guidi e che ci aiuti a diventare migliori.
    Spero che un giorno ci incontreremo.:ma:
  5. hayat84
    Spaced
    Offline

    hayat84 I'm not what you believe

    Joined:
    Jan 4, 2010
    Messages:
    2,096
    Likes Received:
    70
    Trophy Points:
    58
    Gender:
    Female
    Occupation:
    housewife,Islam-spreader
    Location:
    Italy
    Ratings Received:
    +169 / 4
    :salam2:
    Vorrei avere qualche delucidazione a proposito di innovazioni nell'Islam.
    Il Quran recita spesso versetti a proposito dell'omicidio_Ora io mi domando,come può un musulmano dichiararsi tale se seguendo alla lettera il Qura si mette a fare la guerra e uccide degli innocenti.è una domanda che mi sono fatta da tempo,uccidere è un peccato gravissimo,ma se parlassimo con un Mujahid forse ci direbbe che il Quran dice di cacciare il miscredente con ogni mezzo,di ucciderlo se egli lo uccide e di smettere se sgli smette:ma che ne sanno le decine di bambini e donne di fede opposta?Vi chiedo:è giusto denominare musulmano/a un uomo che,conoscendo la Sunna,cade in tentazione e si ubriaca,poi prega poi si ubriaca?E una donna che dice di essere muslima ma non si copre dei suoi veli,che dice di essere una musulmana non praticante?Io sono peplessa,poichè so che l'Islam mi detta delle regole:se voglio rispettarle,sono sulla giusta strada,altrimenti no.Ma secondo me non è proprio un musulmano chi commette quei peccati,perchè dal mio punto di vista "sporca" l'importanza di una religione perfetta,allontanado così chi non fa parte di questa Umma.Per questo vi chiedo,fanno tutti parte di innovazioni questi nuovi musulmani,che a causa dei loro peccati rischiano di rovinarci?In Italia si parla sempre male di loro,perchè purtroppo ce ne sono alcuni che pretendono di esserlo,ma non si comportano da tali:Chi ne sapesse di più mi darebbe un grande aiuto:ma:
  6. besmiralalbani
    Offline

    besmiralalbani Think for yourself

    Joined:
    Dec 16, 2009
    Messages:
    356
    Likes Received:
    6
    Trophy Points:
    28
    Gender:
    Male
    Occupation:
    Student
    Location:
    Naples
    Home page:
    Ratings Received:
    +7 / 0
    .

    facciamo un ragionamento sorella, inshaAllah conforme all'Islam,
    Se io voglio seguire una strada, una retta via, la verità, esse devono essere perfette ed Elhamdulilah, l'Islam è perfetto perchè Allah l'Onnipotente lo dice nel corano:

    "...Oggi i miscredenti non sperano più di allontanarvi dalla vostra religione: non temeteli dunque, ma temete Me.
    Oggi ho reso perfetta la vostra religione, ho completato per voi la Mia grazia e Mi è piaciuto darvi per religione l'Islàm..." (Al Maida 5:3)


    Quindi l'Islam Elhamdulilah è perfetto. Gli ayah del Corano sono chiari per il pubblico intelligente e meno intelligente quindi Allah lo ha reso comprensibile per tutti.

    Il Sunnah del nostro Profeta salallahu alayhi wa sallam, spiega in modo dettagliato altri spetti: per esempio, come fare i wudu, oppure le regole quando si fa l'Hajj, le regole quando si mangia, tra sposi, vicini di casa, tra mussulmani e se vedi io sto cercando di finire la traduzione del libro di shaykh Ibn Uthaymin che tratta i dieci diritti innati in modo naturale nell'uomo. Quindi il Sunnah ci aiuta a comprendere meglio molti versetti del Corano e ci detta insieme al Corano le norme della società Mussulmana.

    Quindi Corano e Sunnah vanno in parallelo insieme.

    Adesso, siccome Allah ha perfezionato l'Islam e il Messaggero non ha lasciato niente senza spiegazione, Elhamdulilah, i primi Mussulmani cioè i Sahaba poi i tabiin quindi le prime tre generazioni, fanno da esempio per noi che siamo un pò lontani da quei tempi.

    quindi in definitiva tutto ciò che riguarda le norme comportamentali, tipo di istruzione (imparare noi l'Islam per poterlo spiegare ai nostri figli), regole nell'economia (proibizione del riba - interesse), oppure le questioni dell'eredità e molto altro, l'Islam le spiega e noi ci dobbiamo attenere a ciò che l'Islam dice su queste questioni.

    Tutto ciò significa SOTTOMISSIONE ad Allah subhane wa ta'ala, e quindi noi non dobbiamo cambiare queste regole, chi cerca di cambiare e fa qualcosa che non sta scritto nel Corano e che il Profetta salallahu alayhi wa sallam ha detto o fatto sta facendo un innovazione nell'Islam.

    Però se io invento il computer oppure il telefono oppure qualche altra cosa, questa è innovazione nella scienza.

    Io il computer lo uso, la televisione la guardo, lo stereo lo uso per sentire il Corano oppure lezioni di scienziati, ma nel momento in cui io vedo qualcosa che va contro l'Islam come alcool, donne "vestite", e altre cose proibite io cambi canale o cerco di evitare di guardare o sentire.
    Elhamdulilah, la risposta l'hai data da sola
    Se noi ci guardiamo bene intorno, il discorso che tu fai non vale solo qui in italia, ma anche, purtroppo, in molti paesi Mussulmani vedi le stesse scene più o meno...ormai l'alcool, le sigarette ed altri peccati li vediamo ovunque, ma ciò non significa che è la cosa giusta.

    Io non vedo gli altri Mussulmani che fanno, ma io vedo l'Islam che dice.

    Questo è un concetto molto importante poiché nel giorno del giudizio noi risponderemo delle nostre opere, di ciò che abbiamo fatto in questa vita, e se vogliamo avere la grazia di Allah, dobbiamo eseguire il più possibile gli insegnamenti dell'Islam. Non prendendo come esempio l'Islam di alcuni Mussulmani che purtroppo commettono peccati. Loro risponderanno per le loro azioni, cosi come noi.

    In Italia, e in occidente in generale, le notizie non vengono sempre cosi come sono in realtà.
    Nell'Islam è vietato il suicidio ed è vietato uccidere civili da quello che io so. Però dall'altro lato io non vivo in quei paesi dove ci sono tutte queste guerre per poter dare un giudizio migliore.

    Io cerco di imparare la nostra religione ed i base ad essa dare le risposte a chi mi fa le domande senza avere pregiudizi sugli altri. Se l'Islam dice su una qualsiasi cosa che è vietato farla in questa maniera per me quella è la verità ed io obbedisco.

    Le cose non sono facili, non possiamo diventare buoni mussulmani da un giorno all'altro,però con un po di sforzo, con duà ad Allah subhana ua ta'ala, cercando sempre di imparare ed a mettere in pratica quel poco che impariamo, allora con l'aiuto di Allah tutto è possibile, solo che ci vuole pazienza, sapienza, e cercare di migliorare sempre con sincerità.

    Spero sorella che possiamo migliorare, con l'aiuto di Allah.
  7. hayat84
    Spaced
    Offline

    hayat84 I'm not what you believe

    Joined:
    Jan 4, 2010
    Messages:
    2,096
    Likes Received:
    70
    Trophy Points:
    58
    Gender:
    Female
    Occupation:
    housewife,Islam-spreader
    Location:
    Italy
    Ratings Received:
    +169 / 4
    grazie per aver reso più semplice il concetto,fratello.forse la mia poca esperienza della vita non mi fa percepire che nella società di oggi siamo come in un campo coltivato:ci stanno i buoni raccolti,e quelli non buoni.Ho visto sul forum in inglese che una sorella muslima è stata ustionata da qualcuno perchè portava hijab:questo in Italia non ha fatto notizia,però quando un gruppo ""ignorante"di talebani ha ustionato una ragazza perchè non portava il velo integrale e studiava,i telegiornali non facevano altro che riempire i loro spazi mettendo un sacco di notizie atte a disprezzare il nostro credo,questo per colpa di chi non rispetta la donna,ma anche dei mass media,che ci fanno ascoltare quello che gli fa più comodo.Comunqua sper che Allah ci ricompenserà per la nostra paziena<In Allah ma'a as sabirin>.salam.

Share This Page