(racconto comico) Povere donne musulmane

Discussion in 'Donne, Famiglia & Matrimonio' started by alafil63, May 12, 2008.

  1. alafil63
    Offline

    alafil63 Assad the Quiet

    Joined:
    May 1, 2008
    Messages:
    46
    Likes Received:
    0
    Trophy Points:
    0
    Gender:
    Male
    Occupation:
    clerk
    Location:
    somewhere in Italy
    Ratings Received:
    +0 / 0
    nota introduttiva: i nomi sono inventati, tranne il mio perchè mi uso come personaggio del racconto, anche se non sono realmente sposato.

    l'Autore


    Personaggi & interpreti:

    Fatima (il marit...ehm NO, la moglie)
    Assad, (il disgraziat...volevo dire la mogl...NO, cioè il marito)

    Scena: casa di Assad.

    Fatima: Assaaaad???
    Assad: (dal computer, grugnisce un po poi replica) si?
    Fatima: come solo si? una volta mi chiamavi perla d'oriente, tesoro di Ali Baba, gloria della casa e ora solo si? e poi mi dici dove hai messo la ricevuta della luce?
    Assad:(stupisce) ma io...come la ricevuta della luc..
    Fatima: Certo che me la devi mostrare, e poi dopo di corsa a pagarla, vai ora!
    Assad: (conciliantissimo) ma mia signora d'Oriente ora sono le due...dove trovo la posta aperta?
    Fatima: uomini, che razza siete, non sapete fare niente di niente! eppure la Sunna dice chiaro che tu sei quello che deve fare tutto per me, ed io come tua fedele sposa occuparmi del nostro nido! ah, mi fossi sposata Yusuf, quelo si che era un uomo come si deve! ma tanto ormai è fatta! ahh, che disgrazia che sei!
    Basta, domani torno da mia madre!
    Assad: (si alza, mette le scarpe scocciato) si signora, si signora, vado subito....
    Fatima: ma dove vai, che non hai neanche la bolletta, ti ho chiesto un attimo fa di dirmi dove l'hai messa! Perchè non mi ascolti quando ti parlo?
    Assad: ma...amore, veramente ...fammi pensare...ecco...
    Fatima: Uomini! non sapete proprio fare niente di niente, mettete le cose dappertutto e neanche ve lo ricordate! e poi ricordati che prima delle cinque devi essere qui per la preghiera! Non vorrai esentartene, vero?
    Assad: (sempre più conciliante) mai, mia signora, sarà una gioia, come sempre....(poi a bassa voce) che scocciatura...
    Fatima: cos'hai detto? (sospettosa)
    Assad: Niente mia signora, niente...stavo pensando a dove è la posta più vicina...(prende la bolletta) vado eh..ciao a dopo (esce)

    (Ufficio postale-suona il cellulare di Assad)
    Assad: si mia signora?
    Fatima: Assad, hai fatto? poi già che ci sei passa un attimo al supermarket che mi è finita l'harissa e ho bisogno anche dell'insalata.
    Assad: ah, fai il pollo?
    Fatima: come sarebbe a dire? certo che faccio il pollo, cos'hai contro il mio pollo eh?
    Assad: ma no, è che l'avevi fatto già ieri, ed io pensavo...
    Fatima:(piange al telefono) Crudele che sei, io mi faccio in quattro...sob...per farti felice, e tu mi insulti come fossi l'ultima delle schiave! sei un miscredente, lo dirò a mio zio l'imam!
    Assad: ma amore, non fare così, a me piace il tuo pollo, e poi ha sempre quel non so che...
    Fatima: Non mentirmi, Assad...lo capisco che tu ormai non mi ami più, non hai neanche voluto regalarmi quell'hijab così bello che avevo visto al mercato l'altro giorno: ed io che volevo farmi bella solo per te!
    Assad: (confuso parla con la signorina) salve, vorrei pagare questa..
    Fatima: Ecco! hai un altra! ora tutto si spiega, per questo mi dici queste cose crudeli!
    Assad: (alla cassiera) si, cento..duecento...trentatre euro..a voi..(poi alla moglie) ma no amore, ma che dici, sei solo tu nella mia vita..
    Fatima:(urla al telefono) una svergognata? Paghi una svergognata per soddisfare i tuoi bassi istinti??? Come osi!!!
    Assad: ma amore, è la cassiera della pos...
    Fatima: Ah, e mi dici pure chi è? la cassiera dell'ufficio postale! ecco perchè volevi andarci così rapidamente eh? per farti fare qualche servizio speciale! altro che bolletta! Vieni a casa subito- ora chiamo lo zio imam! (CLICK)
    Assad: amore? ma...Fatimina mia...(sbuffa) oh no...(scuote il capo) che disgrazia essere sposato....

    (Scena: strada. Assad ripieno di sacchetti della spesa, nuovo hijab e qualche regalino, passa dinanzi ad un negozio di televisori)

    Conduttrice TV (truccatissima, con minigonna e gambe in vista, bellissime scarpe con tacco alto): parliamo ora della situazione delle donne islamiche: queste donne, maltrattate e vilipese dai propri mariti spesso vengono picchiate e usate come fossero oggetti in nome di una religione che ormai è superata: come anche ha detto la psicologa prima, esse non sono capaci di reagire al maschio dominante, unico padre-padrone che le relega a compiti umili negandogli qualsiasi libertà sia di azione che di parola....

    (Scena: sera, Fatima guarda il TG da sola)
    Conduttrice TG: "Notizie dall'interno: un altro grave atto di terrorismo è stato portato a termine da un italiano convertito all'Islam, che d'improvviso ha cominciato a lanciare barattoli e pacchetti della spesa contro un negozio di televisori urlando in arabo. L'uomo è già stato arrestato ed è a disposizione dell'autorità giudiziaria. Gli inquirenti non negano che l'azione sia riconducibile ad una cellula di Al-Quaeda presente nel nostro paese da alcuni anni e non ancora attivata..
  2. umomarskate
    Offline

    umomarskate Junior Member

    Joined:
    Mar 27, 2008
    Messages:
    56
    Likes Received:
    0
    Trophy Points:
    0
    Gender:
    Female
    Ratings Received:
    +0 / 0
    Cosa mi fai ricordare!!!! Ho visto una volta in un paese arabo CON I MIEI OCCHI una lite familiare e dopo una telefonata della donna, sono arrivati i fratelli che in men che non si dica, hanno protato via divani e quant'altro lasciando il tizio solo in casa COL TELEFONO E BASTA!!!!! Povere donne islamiche OPPRESSE!!! E ne vogliamo parlare della dote che la donna spende per se' senza che il marito ci possa metter becco? IO mi sento oppressa quando sento quei discordi stupidi sulla presunta sudditanza della donna.....sul fatto del hejab
  3. um muhammad al-mahdi
    sunnah
    Offline

    um muhammad al-mahdi لا اله الا الله محمد رسول الله Staff Member

    Joined:
    May 17, 2007
    Messages:
    3,425
    Likes Received:
    345
    Trophy Points:
    93
    Gender:
    Female
    Location:
    England
    Home page:
    Ratings Received:
    +537 / 3
    :salam2:

    il significato di questo racconto non l'ho capito bene,aiutatemi: è una maniera ironica di far capire che le donne musulmane non sono oppresse?

    Personalmente penso che molte donne musulmane dimenticano il vero significato del matrimonio in Islam: niente a che vedere con questa Dunya
  4. umomarskate
    Offline

    umomarskate Junior Member

    Joined:
    Mar 27, 2008
    Messages:
    56
    Likes Received:
    0
    Trophy Points:
    0
    Gender:
    Female
    Ratings Received:
    +0 / 0
    io almeno l'ho intesa così.....sta di fatto che molte donne musulmane non intendono il significato della vita a due....
  5. ayah_monire
    Offline

    ayah_monire New Member

    Joined:
    Sep 27, 2007
    Messages:
    15
    Likes Received:
    0
    Trophy Points:
    0
    Gender:
    Female
    Ratings Received:
    +0 / 0
    :salam2:

    :confused: veramente non ho molto ben capito anche io.

    Comunque, per quello che ho visto io e che so. Quando due coniugi hanno dei problemi. Il primo passo non è abbandonare il marito o la moglie, a meno che, mi viene da pensare, non ci siano gravi problemi. I coniugi devono esporre le problematiche davanti a tre testimoni che non sono direttamente coinvolti nè una parte nè per l'altra. Ovviamente, è raccomandabile, che questi testimoni, siano bravi mussulmani. Poi si danno dei consigli 'fillah' alla coppia che se crede nel matrimonio e ama l'altro, cercheranno di seguire. Promettendo e cercando di non commettere più gli stessi sbagli. In questi casi, pazienza e misericordia aiutano entrambi i coniugi.
    Certo la moglie di questo Assad, mi sembra un pò troppo... generale di qualche esercito. NOn è il modo giusto e raccomandato di rivolgersi al proprio marito.

    A.

Share This Page